Lampedusa, Spiaggia dei Conigli

Una delle spiagge italiane più amate e conosciute sia in Italia che all’estero è la famosa Spiaggia dei Conigli. Dove si trova? É incastonata nel litorale sud-occidentale dell’isola di Lampedusa.

Non a caso Domenico Modugno, frequentatore abituale dell’isola e suo appassionato, fu ispirato proprio davanti a questa incantevole oasi naturale a scrivere una canzone celebre in tutto il mondo, “Nel Blu Dipinto di Blu” e a definirla “Piscina di Dio”.

Ma non fu solo il ben noto cantautore italiano a tesserne le lodi.  Ormai i riconoscimenti a livello internazionale inseriscono ufficialmente la spiaggia dei Conigli tra i primi posti in classifica delle spiagge più belle d’Italia e del mondo. Così un’eccellenza tutta italiana ha incantato più di numerosi paesaggi paradisiaci tipici dei Caraibi e continua da tempo ad accogliere turisti da tutto il mondo.

Scopri quali sono le caratteristiche che la rendono unica e che la qualificano come viaggio dei sogni assolutamente da fare se ami il mare, la natura e non solo.

 

Spiaggia dei Conigli e l’omonima isola: una delle baie più belle del mondo

Situata nell’arcipelago delle Pelagie, la Spiaggia dei Conigli è parte nella Riserva naturale di Lampedusa e deve il nome all’omonima Isola completamente rocciosa che si trova proprio di fronte, immersa in acque limpide e cristalline.

La fauna presente lascia letteralmente senza fiato. La varietà di pesci da poter osservare spesso a occhio nudo o più da vicino se sei un appassionato di snorkeling, non darà spazio alla noia. Ogni tua immersione o nuotata sarà ricca di emozioni e sorprese.

E che dire del fatto che potresti incontrare vari esemplari di tartarughe Caretta caretta che hanno scelto l’Isola dei Conigli per deporvi le proprie uova? 

Nelle notti d’estate, nel periodo che va da maggio ad agosto, le tartarughe scavano delle buche sulla spiaggia, vi depositano le loro uova e le ricoprono delicatamente creando sapientemente un ambiente adatto all’incubazione, che dura due mesi.

Passato il tempo necessario, sempre di notte, le uova si schiudono ed è possibile vedere i piccoli riaffiorare e farsi strada sulla sabbia verso le acque del mare.

Un miracolo unico a cui assistere, a pochi passi da casa nostra e nel pieno rispetto della natura. Incredibile.

 

Come arrivare alla Spiaggia e poi all’Isola dei Conigli

Prima di scegliere come arrivare alla Spiaggia dei Conigli, considera che potrai raggiungere i parcheggi vicino all’ingresso tramite autobus, noleggiando un’auto o a piedi ma che, a prescindere dal mezzo che deciderai di usare, dovrai comunque camminare per circa 15 minuti, perdendoti nel fascino della Riserva Naturale. Il paesaggio che si affaccerà alla tua vista è qualcosa di indescrivibile.

L’Isola dei Conigli invece è collegata alla terraferma da istmo, un lembo di sabbia bianca che emerge eccezionalmente dall’acqua poche volte e a distanza di molti anni, un fenomeno suggestivo e surreale. Ma normalmente è possibile raggiungere l’Isola camminando attraverso un breve passaggio dove l’acqua è molto bassa.

 

Curiosità sul nome. Ci sono anche dei conigli sull’Isola?

Se ti sei fatto anche tu questa domanda non sei l’unico. Sono in molti i turisti che arrivando sull’isola dei Conigli pensano di fare incontri ravvicinati con simpatici coniglietti in cerca di cibo.

In effetti alcuni narrano che anticamente fosse presente un insediamento di conigli poi scomparso durante il riaffiorare del famoso istmo che collega l’isolotto alla terraferma.

Ma in realtà, la spiegazione più plausibile sembra essere quella che ricollega il nome a un errore di traduzione o di trascrittura. Infatti, la prima carta nautica rinvenuta, che risale agli inizi del 1800, indica che il nome attribuito alla baia fu “Rabit Island”, dove “Rabit” in arabo indica un “collegamento”, come l’istmo che collega l’isolotto alla costa. Probabilmente più tardi “Rabit” acquistò una B trasformandosi nella parola inglese “Rabbit” e il salto da collegamento a coniglio fu molto semplice.

Lascia un commento